Migliarino
Emilia Romagna

Migliarino è un comune di 3.703 abitanti della provincia di Ferrara.

ETIMOLOGIA
La sua provenienza si lega al paese di Migliaro: deriva dal latino volgare miliarium, ossia "campo di miglio" o da miliarium (pietra miliare).

ORIGINI E CENNI STORICI
La storia di Migliarino, che sorge sulla riva destra di uno dei più importanti rami del Po, il Po di Volano, è profondamente collegata a quella del suo paese limitrofo Migliaro. Nell'alto medioevo il borgo dipendeva dall'abbazia di Cella Volana, in località Vaccolino, poi dalla chiesa di Santa Maria in Aula Regia di Comacchio. Data l'attuale situazione, pochi immaginerebbero che Migliarino in passato fosse parte del paese di Migliaro: Fu Nicolò II d'Este che lo dichiarò sede di podesteria nel 1368. La sede comunale era comunque a Migliaro e occorse un decreto regio emanato da Umberto I nel 1881 per trasferire il municipio a Migliarino. Nel periodo rinascimentale Ludovico Ariosto possedeva un podere, oggi situato a due km dal centro abitato in direzione Campolungo, denominato "possessione di San Vitale", che egli stesso provvedeva ad amministrare. Attualmente è una proprietà della famiglia Barillari, erede dell'antica pieve di Fiscaglia, dove ancora oggi si può vedere una lapide che ricorda "il priore Ludovico Ariosto". Diventato comune, Migliarino iniziò ad acquisire importanza quale sede di proficue attività commerciali ed economiche. Fu Giuseppe Pavanelli, primo sindaco, a dare l'impulso: sotto la sua direzione, vennero realizzate opere di ammodernamento e si crearono nuovi servizi, a cominciare da un piano regolatore, tuttora valido, che allargò piazze e strade, fino alla costruzione, con risorse economiche proprie, di un ponte girevole sul Volano, in grado di collegare tra loro le due sponde del fiume, pur consentendo anche oggi la navigabilità alle imbarcazioni. Lo sviluppo del paese attirò nuova gente e la popolazione raddoppiò: nonostante il breve periodo di esistenza, il comune si è affermato tra i più produttivi del Basso Ferrarese. E' inoltre da segnalare che, per la sua ubicazione sul Po di Volano, Migliarino possiede ancora oggi un gruppo di ville private e torri di notevole pregio architettonico: villa Vincenzi, costruita all'inizio del nostro secolo; villa Campanati, della prima metà dell'Ottocento; villa Forti, che appartiene ad una tipologia sei-settecentesca molto frequente nel Ferrarese, con imponenti cancellate e un vasto parco, ora in parte comunale; villa Fiori, che risale addirittura al 1442; villa Bottoni; villa Caneva; casa Bergamini, con le caratteristiche decorazioni neo-rinascimentali; villa Storari e villa Prampolini. Le torri sono ubicate alle due antiche estremità del paese, sul Po di Volano, da un lato, e sulla SS 495 dall'altro (Borgo Belvedere). La chiesa parrocchiale dedicata a Santa Croce risale al 1592, con facciata ricostruita nel 1838. Di grande pregio è la Pieve di Fiscaglia, le cui origini risalgono alla seconda metà del XII secolo e la chiesa di Cornacervina, il cui campanile conserva ancora le forme del 1.100.

DATI RIEPILOGATIVI

Popolazione Residente 3.674 (M 1.786, F 1.888)
Densità per Kmq: 103,9 (Censimento Istat 2001)

CAP 44027
Prefisso Telefonico 0533
Codice Istat 038015
Codice Catastale F198

Denominazione Abitanti migliarinesi
Santo Patrono Santa Croce
Festa Patronale 3 maggio

Numero Famiglie (2001) 1.524
Numero Abitazioni (2001) 1.696

Il Comune di Migliarino fa parte di:
Regione Agraria n. 3 - Bonifica ferrarese orientale

Località e Frazioni di Migliarino
Bassa Cornacervina, Tieni, Valcesura, Gallumara, Fiscaglia

Comuni Confinanti
Codigoro, Jolanda di Savoia, Massa Fiscaglia, Migliaro, Ostellato, Tresigallo.

.
TOMASI CASE - COMACCHIO (FE)
ISIT - Istituto di Istruzione Superiore Ugo Bassi Pietro Burgatti - Cento (FE)