Trezzano sul Naviglio
Lombardia

Trezzano sul Naviglio è un comune situato a sud-ovest di Milano, in provincia di Milano, lungo le sponde del naviglio Grande.

ETIMOLOGIA
Potrebbe derivare da un nome latino di persona Terricius o Tertius con l'aggiunta del suffisso -anus oppure da terricium (terricciola). La specifica allude alla sua vicinanza al Naviglio grande.

IL PARCO DEL CENTENARIO
ll parco nasce nel 2000, e proprio al passaggio dal XX al XXI secolo è riferito il nome "Parco del Centenario". Si tratta di un’area di 160.000 mq, derivato da campi di coltivazione intensiva ed è stato concesso al Comune di Trezzano quale opera di urbanizzazione per nuove costruzioni. Nell’anno 2007 è stata stipulata una convenzione tra l'Associazione "Salvambiente Trezzano sul Naviglio" e Parco Agricolo Sud Milano per la gestione di un “Punto parco” presso il “Centenario” con lo scopo di divulgare le informazioni sulle attività e le occasioni per frequentare il Parco Agricolo come bene pubblico. Il parco permette ai cittadini di entrare in contatto con la natura e, al tempo stesso, di trovare uno spazio lontano dal caos cittadino, in cui rilassarsi oppure praticare attività fisica (anche grazie alle attrezzature fornite dall'Amministrazione Comunale).

IL LAGO BOSCACCIO
Nel territorio trezzanese, all'interno del Parco Agricolo Sud Milano, non si può dimenticare l'area del Lago Boscaccio, che per la sua estensione fa parte congiuntamente dei comuni di Trezzano e Gaggiano [3]. Nell'area del Lago Boscaccio, nonostante il bacino sia di natura artificiale nato in seguito all’attività di escavazione della Società Cave Merlini S.p.A., è ricreato un habitat tipico della pianura lombarda, assolutamente naturale ed omogeneo con il territorio. I primi interventi di recupero ambientale al Lago Boscaccio, avviati nel 1984, hanno interessato la riqualificazione delle sponde e la relativa piantumazione; il progetto si è via via arricchito di nuovi contenuti, grazie anche a prestigiose collaborazioni con biologi e naturalisti, permettendo così di ricreare l'habitat che possiamo osservare oggi. Conclusa la fase produttiva, nel 1994 è seguita la dismissione e lo spostamento degli impianti di lavorazione ed il completamento del recupero ambientale del lago; in tale anno, infatti, nacque il "Progetto Natura Boscaccio" quando le Cave Merlini, con lo scopo di rendere attuabili e sostenibili nell'area del Lago Boscaccio nuove iniziative alternative all'attività di cava, decisero di spostare gli impianti di lavorazione e selezione, allora localizzati nell'area prospiciente il lago, in una nuova posizione più marginale. Oggi l'attività di recupero è contemporanea allo stato di avanzamento dei processi di coltivazione che creano nuove sponde di lago da recuperare e mettere in sicurezza. La pianificazione dei programmi industriali, gli interventi di recupero ambientale ed il monitoraggio degli ecosistemi creati hanno determinato l'attuale realtà del Lago Boscaccio ed hanno permesso l'attuarsi del progetto Natura Boscaccio.

EDIFICI RELIGIOSI
Ma Trezzano non è solo case e industrie. Ancora oggi sopravvivono autentici scorci di passato lungo le sponde del Naviglio: i due conventi esistono ancora trasformati in case private, la chiesa di Sant'Ambrogio risalente al XII secolo. La chiesa parrocchiale fu ampliata nel XVII secolo e vi furono aggiunti elementi barocchi. Ancora oggi in questa chiesa sono conservati alcuni affreschi del Luini. Altra chiesa di Trezzano è quella di San Lorenzo posta nel quartiere Zingone e costruita a metà del secolo scorso.

ORIGINI E CENNI STORICI
La storia di Trezzano sul Naviglio è strettamente legata a quella del capoluogo lombardo. I primi fondatori della cittadina furono gli Avvocati, una famiglia di proprietari terrieri della zona. Nel XII secolo però, dopo la decadenza della famiglia, le loro proprietà furono divise fra il monastero di S.Ambrogio e altri signori locali. La parrocchia di Trezzano fu poi inserita nella Pieve di Cesano Boscone; per qualche tempo la città dipese civilmente dai Capitani di Baggio. Nel 1653 Trezzano fu data in feudo a Louis Ponce de Leon, che in seguito la cedette a Pietro Landolina. Borgo contadino originariamente chiamato Treciano, sviluppato intorno a due conventi, uno Certosino e l'altro Cistercense, è nato intorno al XIII secolo in corrispondenza della costruzione del Naviglio Grande. Nel 1771 contava 605 abitanti. Nel 1809 gli furono annessi Loirano e Terzago, ma nel 1811 fu a sua volta incorporato da Corsico: il tutto fu comunque annullato nel 1816 dagli austriaci, che però nel 1841 recuperarono e resero definitivo il primo dei due decreti dell'età napoleonica. Il comune assunse l'attuale denominazione nel 1862 quando all'originale nome "Trezzano" venne aggiunto "sul Naviglio". Mantenne la connotazione di piccolo comune fino al 1960 quando la provincia di Milano costruì la strada nuova Vigevanese l'imprenditore Zingone si adoperò in un'operazione immobiliare, che prevedeva la realizzazione di 390.000 m² residenziali, 700.000 m² industriali e 110.000 m² di servizi, dando il via a una massiccia urbanizzazione del territorio fino ad arrivare ai 4 milioni di m² attuali.

DATI RIEPILOGATIVI

Popolazione Residente 20.058 (M 9.786, F 10.272)
Densità per Kmq: 1.865,9
Superficie: 10,75 Kmq

CAP 20090
Prefisso Telefonico 02
Codice Istat 015220
Codice Catastale L409

Denominazione Abitanti trezzanesi
Santo Patrono Sant'Ambrogio
Festa Patronale 7 dicembre

Il Comune di Trezzano sul Naviglio fa parte di:
Regione Agraria n. 8 - Pianura tra Ticino e Lambro
Parco Agricolo Sud Milano

Località e Frazioni di Trezzano sul Naviglio
Terzago

Comuni Confinanti
Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico, Cusago, Gaggiano, Milano, Zibido San Giacomo.

.
ISTITUTO VITTORIA COLONNA - MILANO
AMIACQUE srl - Milano
ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI - MILANO
AIAB LOMBARDIA - MILANO - MI