.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luogosanto
Sardegna

Luogosanto (in gallurese Locusantu, in sardo Logusantu), è un comune di oltre 1900 ab. della provincia di Olbia-Tempio nella regione storica della Gallura. È situato a 321 metri sul livello del mare, nel cuore della Gallura, ai piedi della montagna Ghjuanni. Fa parte della III Comunità Montana "Gallura".

La nascita del centro risale al medioevo, ricostruito, come sostengono alcuni dai Francescani nel XIII secolo e a questo si dovrebbe il nome. Alla metà del XV secolo, il paese si spopolò e solo duecento anni dopo alcuni pastori iniziarono ad edificare i loro stazzi in queste terre. In questo periodo il paese fu interessato anche dalla grave piaga del banditismo e del contrabbando, trovandosi proprio nella rotta tra Tempio e Santa Teresa di Gallura, storico porto di traffici illeciti con la Corsica. Agli inizi del XX secolo le buone terre di questo paese iniziarono a dare i loro frutti, viticoltura e pastorizia erano i settori trainanti, per una rinascita che, nel 1947, rese l'autonomia comunale a Luogosanto.

DA VEDERE
A Luogosanto si contano ben ventidue chiese e in quella innalzata in onore si S.Trano furono rinvenute le reliquie dei santi Nicola e Trano, che sarebbero vissuti nei pressi della chiesa. Il santuario si trova a sud, poco distante dal paese, sopra un rilievo granitico con splendida vista panoramica sulle Bocche di Bonifacio. Nella grotticella in cui vennero recuperate le ossa dei beati, custodita tra le mura della chiesa, è stato inserito un altare ricavato da un unico blocco di pietra. La chiesa più importante del paese è Nostra Signora di Luogosanto, edificata nel XIII secolo in forme romaniche alla quale Papa Onorio III° concesse il privilegio di avere in dote la Porta Santa, creata dallo scultore Luca Luchetti, che aperta ogni sette anni per un anno intero divenendo meta di pellegrinaggio per migliaia di fedeli. In direzione Arzachena sorge il castello di Balaiana, residenza estiva del Giudice di Gallura, seppur gravemente danneggiato conserva intatti diversi ambienti. Sulla strada per Arzachena, dopo pochi chilometri sulla sinistra, sorge invece il Castello di re Baldo (o Palazzu di Baldu) più verosimilmente abitazione di un governatore in quanto sprovvisto di fortificazioni.

MANIFESTAZIONI

Festa Manna, 7-9 settembre
E' celebrata in onore della Natività di Maria e di San Giuseppe. Ogni sette anni la festa assume un carattere ancora più importante, con l'apertura della Porta Santa

Santa Reparata, 40 giorni dopo la Pasqua
Celebrazione in onore della patrona di Luogosanto, è particolarmente sentita in tutta la regione gallurese. I festeggiamenti sono resi particolarmene suggestivi dai numerosi canti in sardo dedicata alla santa, dalla popolazione vestita con i costumi tradizionali e dai carri a buoi addobbati con fiori e tessuti variopinti.

CENNI STORICI
La nascita del centro risale al medioevo, ricostruito, come sostengono alcuni dai Francescani nel XIII secolo e a questo si dovrebbe il nome. Alla metà del XV secolo, il paese si spopolò e solo duecento anni dopo alcuni pastori iniziarono ad edificare i loro stazzi in queste terre. In questo periodo il paese fu interessato anche dalla grave piaga del banditismo e del contrabbando, trovandosi proprio nella rotta tra Tempio e Santa Teresa di Gallura, storico porto di traffici illeciti con la Corsica. Agli inizi del XX secolo le buone terre di questo paese iniziarono a dare i loro frutti, viticoltura e pastorizia erano i settori trainanti, per una rinascita che, nel 1947, rese l'autonomia comunale a Luogosanto. A Luogosanto si contano ben dodici chiese e in quella innalzata in onore si S.Trano furono rinvenute le reliquie dei santi Nicola e Trano, che sarebbero vissuti nei pressi della chiesa. Il santuario si trova a sud, poco distante dal paese, sopra un rilievo granitico con splendida vista panoramica sulle Bocche di Bonifacio. Nella grotticella in cui vennero recuperate le ossa dei beati, custodita tra le mura della chiesa, è stato inserito un altare ricavato da un unico blocco di pietra. La chiesa più importante del paese è Nostra Signora di Luogosanto, edificata nel XIII secolo in forme romaniche alla quale Papa Onorio III° concesse il privilegio di avere in dote la Porta Santa, che aperta ogni sette anni per un anno intero divenendo meta di pellegrinaggio per migliaia di fedeli. In direzione Arzachena sorge il castello di Balaiana, residenza estiva del Giudice di Gallura, seppur gravemente danneggiato conserva intatti diversi ambienti. Sulla strada per Santa Teresa, dopo pochi chilometri sulla destra, sorge invece il Castello di re Baldo (o Palazzu di Baldu) più verosimilmente abitazione di un governatore in quanto sprovvisto di fortificazioni.

DATI RIEPILOGATIVI

Popolazione Residente 1.825 (M 898, F 927)
Densità per Kmq: 13,5 (Censimento Istat 2001)

CAP 07020
Prefisso Telefonico 079
Codice Istat 104014
Codice Catastale E747

Denominazione Abitanti luogosantesi
Santo Patrono Natività di Maria
Festa Patronale 8 settembre

Numero Famiglie (2001) 720
Numero Abitazioni (2001) 955

Il Comune di Luogosanto fa parte di:
Comunità Montana Gallura
Regione Agraria n. 9 - Colline litoranee della Gallura Occidentale

Comuni Confinanti
Aglientu, Arzachena, Luras, Palau, Santa Teresa Gallura, Tempio Pausania

Riepilogo edifici storici e religiosi
Castello Balaiana
Castello di Santo Stefano o Reggia di Re Baldo
Eremo di San Trano
Chiesetta di Santo Stefano
Chiesetta di San Leonardo
Chiesa parrocchiale di Nostra Signora di Luogosanto