..

 

 

 

 

Erice
Sicilia

Erice (Eryx) è un comune di circa 29.000 abitanti della provincia di Trapani, sull'omonimo Monte. Erice era anche il nome di un personaggio mitologico ucciso da Ercole. Cuore del comune è il capoluogo che sorge sull'omonimo "monte". Fino agli anni '30 si chiamava Monte San Giuliano. Un tempo era uno dei comuni più estesi della Sicilia, comprendeva infatti territori assai distanti dal capoluogo: Valderice, Custonaci, Buseto Palizzolo e San Vito Lo Capo. Diverse le frazioni che completano il territorio, alle falde della montagna madre (Casa Santa, Roccaforte, Rigaletta, Tangi, Ballata, Napola, Pizzolungo, ecc.) A Erice Vetta sono rimasti solo un migliaio di residenti, che si decuplicano nel periodo estivo. Artigianato caratteristico: ceramica. Dolce tipico: Genovese alla crema, dolce di pastafrolla con zucchero a velo sulla parte superiore(possibilità di gustare anche la variante con ricotta) e "Mustaccioli", antichi biscotti fatti nei conventi di clausura. Dal 2005 il capoluogo è collegato alla valle da una moderna cabinovia.

ETIMOLOGIA
Era l'antica città degli Elimi, chiamata in latino Eryx ed in greco Erux. Fino al 1934 fu chiamata Monte San Giuliano.

ORIGINI
Secondo Tucidide, fu fondata dagli esuli troiani, che fuggendo nel Mar Mediterraneo avrebbero trovato il posto ideale per insediarvisi; sempre secondo la leggenda, i Troiani avrebbero poi dato vita al popolo degli Elimi. Virgilio la cita nell'Eneide, con Enea che la tocca due volte: la prima per la morte del padre Anchise, un anno dopo per i giochi in suo onore. Virgilio nel canto V racconta che in un'epoca ancora più remota vi campeggia Ercole stesso nella famosa lotta col gigante Erice, precisamente nel luogo dove poi si sfidarono al cesto il giovane e presuntuoso Darete e l'anziano Entello.

CENNI STORICI
In antico, insieme a Segesta, che parrebbe di fondazione coeva, era la città più importante degli Elimi, in particolare era il centro in cui si celebravano i riti religiosi. Durante la prima guerra punica, il generale cartaginese Amilcare ne dispose la fortificazione, e di qui difese Lilibeo. In seguito trasferì parte degli ericini per la fondazione di Drepanon, l'odierna Trapani. I Romani vi veneravano la "Venere Ericina", la prima dea della mitologia romana a somiglianza della greca Afrodite. Dal 1963 è sede del Centro di cultura scientifica Ettore Majorana, dedicato agli studi scientifici, istituito per iniziativa del professor Antonino Zichichi. Nel 1990, a seguito della prima edizione dell'"Atelier Internazionale di Gastronomia Molecolare", di cui da allora regolarmente si tengono convegni annuali, si ebbe il formale riconoscimento della disciplina della gastronomia molecolare.

MUSEI
Museo Paul A.M. Dirac
Museo Daniel Chalonge
Museo Civico Antonio Cordici
Museo Agro-Forestale San Matteo

EDIFICI STORICI
Castello Pepoli
Castello di Venere

EDIFICI RELIGIOSI
Chiesa del Salvatore
Chiesa Matrice (1314)
Teatri
Teatro Gebel Hamed.
DATI RIEPILOGATIVI

Popolazione Residente 29.338 (M 14.283, F 15.055)
Densità per Kmq: 620,3

CAP 91016
Prefisso Telefonico 0923
Codice Istat 081008
Codice Catastale D423

Numero Famiglie 10.346
Numero Abitazioni 14.215
Denominazione Abitanti ericini
Santo Patrono Madonna di Custonaci
Festa Patronale ultimo mercoledì di agosto


Il Comune di Erice è:
Località balneare segnalata con due vele nella Guida Blu di Legambiente
Il Comune di Erice fa parte di:
Regione Agraria n. 2 - Colline litorale di Erice
Patto Territoriale Trapani Nord

Comuni Confinanti
Marsala; a est: Valderice; a ovest: Trapani; a sud: Paceco; a sud-est: Buseto Palizzolo.

.